Cos’è un disco SSD e come può trasformare il tuo pc

Stai ascoltando musica da YouTube, mentre scrivi il tuo articolo per il blog su Word, l’antivirus controlla le tue attività per tenerti al sicuro, quando decidi di aprire photoshop per ritoccare una foto e il tuo computer collassa. Si rallenta in una maniera incredibile e d’un tratto tutte le applicazioni che avevi aperte fanno fatica ad eseguire le operazioni che poco fa svolgevano tranquillamente. Come mai? Eppure il tuo computer ha un processore i7 e 16gb di ram, come è possibile che si sia rallentato così? Non hai un disco ssd.

Fino a non molto tempo fa, nonostante i computer avessero processori sempre più potenti, rimaneva una criticità: la velocità di accesso ai dati presenti nel disco. E’ inutile avere un processore a 4Ghz 8 core e 32 gb di ram se non puoi accedere velocemente ai dati memorizzati sul disco rigido. Si forma così il cosiddetto collo di bottiglia. Dovuto al fatto che il tuo computer ha all’interno ancora un vecchio disco meccanico che ne limita fortemente la velocità di accesso ai dati. Un disco a stato solido (SSD) risolve questo problema e fa della velocità di accesso ai dati il punto di forza del tuo pc.

Cos’è un SSD?

Un disco ssd è un hard disk per computer, che a differenza dei vecchi modelli di dischi rigidi, è completamente elettronico. Le vecchie unità disco rigido (HDD) usa dei dischi che ruotano e una testina che si muove lungo il piatto per leggere ciascuna porzione di dati. Questo comportava diversi tempi morti come il movimento della testina, la velocità di rotazione dei dischi, ecc. I dischi a stato solido consentono tempi di avvio e caricamento pressoché istantanei dato che non devono ricercare meccanicamente i dati su un disco rotante. Il sistema operativo si avvierà in meno della metà del tempo (in media) e anche i software più pesanti impiegheranno solo pochi secondi. Essendo una memoria elettronica ha tutta una serie di vantaggi, come il fatto che è nettamente più veloce a scrivere e leggere dati. Inoltre, non avendo parti meccaniche all’interno, il disco ssd è estremamente più affidabile, sicuro e resistente agli urti.

disco ssd della ocz

Prestazioni

Per capire meglio la differenza abissale che c’è tra un vecchio disco rigido e un disco SSD, ti riporto alcuni dati. Un vecchio disco rigido poteva leggere e scrivere dati fino ad una velocità di 60 – 250 MB/s. Un disco a stato solido è in grado di leggere e scrivere dati ad una velocità di oltre 500 MB/s. Considerando che la velocità di 250 MB/s per i vecchi dischi era raggiunta solo dai dati memorizzati negli anelli più interni (che ruotano più velocemente e la testina ha meno tempi morti), un ssd è in media 3 o 4 volte più veloce di un hdd.

Ecco un video che ti farà vede all’atto pratico la differenza di prestazioni tra disco rigido e disco a stato solido.

Quali pc possono installare un SSD

E’ possibile installare un disco a stato solido in qualsiasi computer abbia la tecnologia Serial-Ata all’interno. E’ una tecnologia hardware che permette alle periferiche come i dischi ssd, di comunicare in maniera incredibilmente veloce con il computer. Questa tecnologia è stata inventata diverso tempo fa, quindi è altamente diffusa ormai. Questo rende possibile installare un disco ssd praticamente in ogni computer del giorno d’oggi. Comunque se stai pensando di potenziare il tuo computer installando un SSD ti consiglio sempre di verificare che la tecnologia S-ata sia presente. Esistono 3 tipi di S-Ata (SATAI, SATAII e SATAIII) nonostante sia possibile installare un ssd anche su SATAI è consigliata almeno la SATAII. In ogni caso anche se installerai un disco ssd su tecnologia SATAI, noterai lo stesso una grande differenza di prestazioni.

Installare un disco ssd nel tuo computer è senz’altro una scelta intelligente. Questo ti permetterà anche di tenere i dati più al sicuro, non rischiando di perderli per colpa di parti meccaniche usurate o problemi con i dischi. Inoltre, finalmente la mattina sarà il tuo computer a dover aspettare te che finisci di bere il caffè e non tu a doverlo accendere la sera prima per poterlo usare la mattina dopo.