Pohoiki Beach: il sistema Intel che simula il cervello

Intel Corp. ha annunciato un sistema di calcolo neuromorfico basato sul suo prototipo di chip Loihi. Mira a simulare il modo in cui il cervello umano elabora i problemi.

Pohoiki Beach

Al summit EAR DARPA, il direttore di Intel Labs, Rich Uhlig, ha affermato che il sistema, nome in codice “Pohoiki Beach”, è composto da 64 chip Loihi. Secondo lui, hanno una potenza di calcolo equivalente a 8 milioni di neuroni. Intel ha in programma di rendere disponibile il nuovo sistema a 60 dei suoi partner di ricerca per sperimentare l’architettura emergente, progettata per affrontare alcuni dei problemi più complessi dell’intelligenza artificiale.

Intel ha annunciato il chip Loihi nel settembre del 2017. Questo sarebbe capace di incredibili velocità di apprendimento grazie alla sua capacità di imitare il funzionamento del cervello umano. Il prototipo può anche usare la conoscenza che già possiede per trarre conclusioni su nuovi dati. In questo modo accelera il suo processo di apprendimento in modo esponenziale nel tempo.

Il chip si basa su un’architettura di “calcolo neuromorfico”. Si ispira all’attuale comprensione da parte degli scienziati del cervello umano e al modo in cui risolve i problemi.

Loihi è solo uno dei molti tentativi dei ricercatori di migliorare l’intelligenza artificiale utilizzando l’ispirazione tratta dall’apprendimento umano. Qualcomm Technologies Inc. ha prodotto chip neuromorfici per diversi anni. IBM Corp. ha lavorato alla creazione di neuroni artificiali che si comportano in modo simile al cervello umano. Il team di DeepMind di Alphabet Inc. ha utilizzato metodi di apprendimento approfondito che incoraggiano l’apprendimento naturale in modo simile al modo in cui un bambino impara nuove competenze.

Intel ha affermato che i chip Loihi possono elaborare informazioni fino a 1.000 volte più veloci e 10.000 volte più efficienti rispetto alle tradizionali unità di elaborazione centrale per applicazioni specializzate quali la codifica Sparse, la ricerca di grafici e i problemi di soddisfazione dei vincoli.

Intel pohoiki beach

Il vero potenziale di Pohoiki

Per ora, ha detto Intel, il vero potenziale di Pohoiki Beach sta nel risolvere alcuni dei problemi di calcolo più difficili per “l’internet delle cose” e altri dispositivi autonomi, grazie al bassissimo consumo di energia di Loihi.

“Con il chip Loihi siamo stati in grado di dimostrare un consumo energetico 109 volte inferiore con un benchmark di apprendimento in tempo reale rispetto a un’unità di elaborazione grafica e un consumo energetico cinque volte inferiore rispetto all’hardware specializzato per l’inferenza IoT (Internet delle cose)”, ha affermato Chris Eliasmith, co-chief executive officer di Applied Brain Research Inc., che è uno dei partner di ricerca di Intel. “Ancora meglio, mentre scaliamo la rete di 50 volte, Loihi mantiene i risultati delle prestazioni in tempo reale. Utilizza solo il 30% in più di energia, mentre l’hardware IoT utilizza il 500% in più di energia e non è più in tempo reale.”

Intel ha affermato di ritenere che il sistema basato su Loihi abbia il potenziale per realizzare guadagni di “ordine di grandezza” in termini di velocità ed efficienza per applicazioni come veicoli autonomi e case intelligenti, che devono elaborare i dati in cui è generato per ricavare reali approfondimenti sul tempo.

L’analista di Constellation Research Inc. Holger Mueller ha dichiarato a SiliconANGLE che le funzionalità di risparmio energetico dell’architettura chip neuromorfica di Intel sono il suo aspetto più notevole. “Questo potrebbe fare la differenza quando si tratta di fornitori di infrastrutture come servizi per piattaforme di chipset AI”, ha affermato.

Uhlig ha aggiunto che il sistema Pohoiki Beach è solo il fondamento della sua ricerca di calcolo neuromorfico. Più avanti quest’anno Intel prevede di rilasciare un sistema più potente chiamato Pohoiki Springs che può scalare fino a 100 milioni di neuroni.

Resta sintonizzato con le mie news.