Facebook Messenger – La chat potrebbe tornare all’interno di Facebook

Il Messenger di Facebook potrebbe tornare a funzionare all’interno del social

Messenger è stato rilasciato per la prima volta come app standalone nel 2011 e nel 2014 Facebook ha rimosso la sua funzionalità dalla sua omonima app. Mezzo decennio più tardi, mentre Facebook si prepara ad integrare i suoi servizi di messaggistica su Messenger, Instagram e WhatsApp, la funzionalità sembra tornare.

Facebook potrebbe rimettere le chat di Messenger nella sua app di social media principale. La funzione è attualmente in fase di test ed è stata individuata dal ricercatore di app Jane Manchun Wong. Ciò significherebbe che sarà possibile utilizzare un’unica app per accedere sia alla piattaforma di social media sia agli elementi del servizio di messaggistica. La modifica, consisterebbe nell’utilizzare il pulsante Messenger esistente nell’app Facebook, ma porterebbe in una nuova sezione “Chat”, amziché, come ora, aprire l’app Messenger separata.

messenger-facebook

In un tweet Wong nota che la sezione chat contiene solo una selezione limitata delle funzionalità di Messenger. Sebbene sia possibile inviare e ricevere messaggi, è comunque necessario aprire l’app Messenger autonoma per effettuare chiamate, inviare foto o inviare reazioni ai messaggi.

Come parte dei suoi piani di integrazione della messaggistica, Facebook manterrà ogni singola app del servizio. Per cui lo stesso vale per Messenger, che continua ad essere utilizzata da un pubblico diverso rispetto all’app principale, Facebook.

Non è chiaro quando la nuova integrazione o interfaccia di Messaging potrebbe diventare disponibile. “Stiamo testando i modi per migliorare l’esperienza di messaggistica per le persone all’interno dell’app Facebook”, dice a The Verge un portavoce del noto social network Facebook. “Messenger rimane un’app di messaggistica stand-alone ricca di funzionalità con oltre un miliardo di persone che la utilizzano mensilmente per connettersi con le persone e le aziende a cui tengono di più. Non abbiamo ulteriori dettagli da condividere in questo momento.”