LPDDR5: le nuove Ram per il 5g e I.A.

A fine luglio, la multinazionale Coreana, inizierà la produzione in serie di una nuova DRAM, la LPDDR5, ottimizzata per il 5g e la A.I. Nonostante il lento avvio dell’infrastruttura di rete 5G, Samsung sta cercando di fare la sua parte per farlo arrivare il più velocemente possibile nelle mani dei consumatori, insieme alla A.I.

il chip LPDDR5

LPDDR5: Un fulmine .. a ciel sereno

Il gigante dell’elettronica ha annunciato la produzione in serie di una nuova DRAM mobile LPDDR5 da 12 gigabit con capacità di 6 e 12 GB. Molti telefoni di fascia alta attualmente sul mercato, incluso il Galaxy S10, utilizzano la precedente generazione di DRAM LPDDR4X. Samsung afferma che quest’ultima evoluzione del chip porterà supporto ottimizzato per  il 5G e le applicazioni che utilizzano la A.I. La versione da 12 GB permetterà una velocità di trasferimento fino a 44 GB di dati in 1 solo secondo.

Velocità impressionante, e Samsung dice che è pronta ad incrementare la produzione su questi chip se l’interesse l’interesse da parte del mercato globale dovesse aumentare.

La società ha dichiarato che questo ultimo chip è fino al 30% più efficiente rispetto al suo predecessore LPRDDR4X. Inoltre, grazie a un nuovo design di circuiti con “clocking potenziato, training e funzionalità low-power” la nuova DRAM mobile consentirà agli smartphone di punta di nuova generazione di “sfruttare al massimo il 5G e le funzionalità A.I. come la registrazione di video ad altissima definizione e l’apprendimento automatico, aumentando nel contempo notevolmente la durata della batteria. ”

Quasi tutti i maggiori produttori di smartphone dovrebbero rilasciare dispositivi 5G nel 2019, con l’eccezione di Apple. Tuttavia, ciò potrebbe non avvenire fino al lancio del  Samsung Galaxy S11, che risale al 2020.

Fino ad allora, possiamo solo sognare un trasferimento dei dati così fulmineo, proprio come la maggior parte degli Stati Uniti, che è in attesa di una copertura 5G adeguata. Ciò non impedirà tuttavia a Samsung di spingere in avanti, poiché ha dichiarato che prevede di sviluppare anche un LPDDR5 da 16 Gb l’anno prossimo.

Leggi altre news del blog